Ragusa

Ragusa viene solitamente nominata come città dei due patroni, dei tre ponti e spesso definita l'isola nell'isola. E' un piccolo comune che conta 60 mila abitanti ed è anche il capoluogo più a sud d'Italia, posta nella Sicilia Orientale. Il suo territorio è molto eterogeneo regalando forme, colori e odori che raramente si possono trovare in altri luoghi. La sua densità è molto bassa in quanto il suo territorio è veramente molto vasto che la colloca al terzo posto per estensione in Sicilia e al settimo come popolazione.

Informazioni
Mappa
Dove dormire
Come raggiungerci
Spiagge
Cosa vedere
Cosa fare
Dove mangiare

Informazioni su Ragusa

Brevi cenni storici

La città di Ragusa ha origini molto antiche e i primi insediamenti, risalenti al 1.300 a. C., furono nella sua parte antica, Ragusa Ibla. Ragusa Ibla fu fodata dai Siculi sotto il nome di Hybla Haerea, che stava a indicare "il luogo da cui proviene il grano". Diverse furono le dominazioni in questa zona della Sicilia, ciascuna delle quali determinò un futuro sviluppo della Contea. Con la conquista da parte degli Svevi, infatti, Ragusa Ibla divenne parte della Contea di Modica.

Fu grazie alla rivoluzione economica dovuta all'enfiteusi che il territorio della Contea si avviò verso un forte e fiorente sviluppo. Questo processo, infatti, ha contribuito alla realizzazione di bellissimi muri a secco per la suddivisione dei terreni e ha contribuito quindi alla formazione di una larga fetta di una classe dirigente aristocratica, la nuova borghesia.

La formazione della città di Ragusa Superiore, ha avuto inizio subito dopo il catastrofico terremoto del 1693. Dopo il terremoto, però, parte della nobiltà ebbe opinioni discordanti sulla ricostruzione. Una parte dell'aristocrazia decise di ricostruire sopra le vecchie macerie, mentre i nuovi borghesi preferirono ricostruire i nuovi edifici nella Ragusa Nuova. Prendono forma, così, le due Ragusa, con amministrazioni e vita politica differenti. Questa divisione durò fino alla loro riunificazione, avvenuta nel 1926. 

Mappa di Ragusa

Ragusa sorge sui Monti Iblei a 500 metri sul livello del mare, nella Sicilia sud orientale. Il territorio di Ragusa è delimitato a est dal fiume Irminio e confinante con il comune di Giarratana, mentre a nord è delimitata dal fiume San Leonardo e confinante con Catania e Siracusa.

La mappa è interattiva e indica il centro di Ragusa.

Dove dormire a Ragusa

Gran parte dei turisti sceglie di dormire nella vicina cittadina di Marina di Ragusa, non solo per l'esigua distanza di 25 km, ma soprattuto per la temperatura mite nella zona costiera. Inoltre, tantissimi i servizi disponibili nella ridente cittadina balneare.

Scopri le migliori offerte di b&b, appartamenti e casa vacanze a Marina di Ragusa. Bianco e Blu offre soluzioni diverse in base alle tue esigenze, per rendere la tua vacanza a Marina di Ragusa indimenticabile! Tutti nostri appartamenti e case vacanze si trovano vicino al lungomare e allo splendido mare con la spiaggia di sabbia. Vieni a scoprire l'incantevole bed and breakfast e dormi in comode camere, a soli 50 metri dal mare e nel pieno centro di Marina di Ragusa.  

I nostri servizi sono tutti compresi e uguali per tutte le nostre soluzioni disponibili. Il consumo delle utenze, la pulizia settimanle e la fornitura di biancheria è sempre inclusa! Affrettati  e scropri i nostri bellissimi appartamenti!
 

Come arrivare a Ragusa

Aeroporti Sicilia

Nella Sicilia Orientale l'aeroporto di Comiso e l'aeroporto di Catania sono i due aeroscali di riferimento per l'area est dell'Isola.

Nella Sicilia Occidentale sono due gli aeroporti, a Palermo e a Trapani.

Autobus

Lo spostamento tramite autobus, rispetto agli spostamenti in treno, sono la soluzione migliore in quanto i treni in Sicilia orientale impiegano circa il doppio del tempo. Resta comunque consigliato arrivare in auto o noleggiarla, soprattuto per coloro che intendono spostarsi per visitare la Sicilia.

Maggiori informazioni sono presenti sulla nostra pagina su "Come Arrivare"

 

Spiagge di Ragusa

Spiagge nel Comune di Ragusa

La bellissima costa di Ragusa è caratterizzata per la maggior parte da lunghe spiagge di sabbia libere alla sua fruizione. Fra le spiagge più apprezzate di Ragusa, Marina di Ragusa è sicuramente una di questa, non solo per il bellissimo mare e le libere spiagge di sabbia dorata, ma anche per le decine di servizi, ristoranti e divertimenti che raramente potrete trovare altrove.

In prossimità dei paesi sul mare sono raramente visibili i caratteri tipici della macchia mediterranea. Ma la grossa contraddizione si ha arrivando a Cava Randello, dove ogni intervento umano scompare. La riserva di Randello è una delle più belle coste a falesia in provincia di Ragusa. La spiaggia di sabbia è l'ideale per chi vuole passeggiare a contatto con la natura grazie alla presenza di estese dune di sabbia sormontate da flora tipica della macchia mediterranea.

Spiagge vicino Ragusa

Una meta apprezzata da turisti di tutto il mondo è Punta Secca, tipico borgo marinano con piccole e tipiche case di pescatori. Il paesino è molto apprezzato grazie anche alla famosa serie tv del Commissario Montalbano. Le sue spiagge sono di sabbia e il suo piccolo porticciolo permette di acquistare del buon pesce. 

Bellissime le spiagge di Donnalucata e di Sampieri. Donnalucata è un paese di piccole dimensioni collocata nel territorio di Scicli; le sue spiagge sono molto larghe e, laddove l'intervento umano è stato moderato, sono visibili le dune di sabbia con la vegetazione tipica della macchia mediterranea. Sampieri, invece, è un piccolissimo borgo di pescatori, molto apprezzato per il suo bellissimo mare. La sua lunghissima spiaggia si trova fuori dal centro abitato, motivo per cui è ricca di bellissime dune incontaminate, tipiche della macchia mediterranea.

Cosa Vedere a Ragusa

Il centro di Ragusa

Le origini di Ragusa (superiore) sono abbastanza recenti, vista e considerata la storia che avvolge la Sicilia. Il forte terremoto del 1693 che colpì la Val-di-Noto, compresa l'antica Ragusa Ibla, sconvolse drasticamente l'urbanistica e lo stile della città di Ragusa. Molti aristocratici decisero di spostare la ricostruzione della città in una zona differente, non molto lontana dal vecchio abitato, in una zona secondo loro più sicura. Fu così che iniziò la costruzione della città di Ragusa; a monte la nuova città cominciò a prendere forma, mentre a valle, sulla vecchia collina, parte della nobiltà confermò di ricostruire sulle stesse mura dell'antica Ragusa Ibla. 

Le due città, la nuova e l’antica, ebbero una vita amministrativa separata fino al 1926 quando furono riunite in un solo comune innalzato a capoluogo di provincia. Nella città nuova è interessante il Duomo di San Giovanni, costruito tra il 1706 ed il 1760, con un immenso piazzale al suo fronte e una scalinata in tipica pietra locale di colore scuro, la rinomata "Pietra Pece". Numerosi sono i palazzi barocchi con le tipiche raffigurazioni antropomorfe nei mensoloni dei balconi, negli architravi, nelle chiavi di volta delle porte e delle finestre. 

Ragusa è comunemente chiamata la città dei tre ponti. Sono infatti presenti tre ponti per il collegamento con la vallata al suo fianco. Il Ponte dei Cappuccini è stato il primo ponte di collegamento, bellissima costruzione in pietra, è un vero capolavoro di architettura di metà Ottocento. Il Ponte Nuovo, nel 1937 e il Ponte San Vito nel 1964.
.

Monumenti Patrimonio Unesco a Ragusa:

 - Foto centro ragusa - 

Ragusa Ibla, la parte antica di Ragusa

L’interesse artistico di Ragusa è però principalmente raccolto nella sua parte più antica, Ragusa Ibla, il cui centro storico è tra i più interessanti dell'intera Sicilia Orientale. Anche Ragusa Ibla è patrimonio Unesco e ha fatto da scenario a tantissimi film e alla fiction del commissario Montalbano.

E’ consigliabile visitare Ragusa Ibla a piedi, partendo preferibilmente dal piazzale antistante la chiesa di Santa Maria delle Scale. Una chiesa del Quattrocento ricostruita nel Settecento e dalla quale si può ammirare il panorama dell'antico nucleo cittadino. Dalla chiesa iniziano circa duecentocinquanta gradini, che si inoltrano in una delle più pittoresche stradine della Sicilia con bei palazzi settecenteschi. Le Scale si concludono con la settecentesca chiesa di Santa Maria dell’Idria e di fronte a quella dedicata alle Anime del Purgatorio.

Il monumento più importante di Ibla è la basilica di San Giorgio progettata nel 1744 con una facciata torre tra le più belle, se non la più bella, della Sicilia. Elegantissimi sono i rilievi decorativi del portale, i capitelli, tutte le modanature, le cornici, dei piedistalli, delle colonne ecc. All’interno sono tele e opere d’arte.

Vicino al Duomo c’è il neoclassico Circolo di Conversazione. Il corso, che inizia dalla basilica, conduce poi ad una piazzetta dov’è la chiesa di San Giuseppe. Altre chiese si trovano all’interno della villa comunale, San Domenico, San Giacomo, Cappuccini Vecchi. 

Monumenti Patrimonio Unesco a Ragusa Ibla:

Resti architettonici del terremoto del 1693

Il vecchio portale di S. Giorgio, esempio di architettura gotico-catalana, è tutto ciò che ci resta della chiesa di S. Giorgio edificata nel XII secolo. Nella parte alta dell’arco è raffigurato San Giorgio che uccide il drago con la spada, simbolo ancora oggi del Patrono di Ragusa Ibla. La chiesa di San Giorgio è stata  completamente distrutta dal terremoto del 1693 per poi essere ricostruita nella parte più alta di Ragusa Ibla.
 
Porta Walter è l’unico ingresso rimasto, sui tre che, all’origine, davano accesso alla città. Antiche mura perimetrali furono costruite nel periodo bizantino in parte visibili ancora oggi dietro la chiese delle Anime del Purgatorio.
 
Il portale in stile gotico-catalano della chiesa di Santa Maria delle Scale costruita nel XV secolo, è sopravvissuto al disastroso terremoto. 

Ragusa Ibla è una vera e propria perla del barocco della val di Noto, molte volte indicata come simbolo del barocco siciliano. Immergetevi nelle tipiche stradine strette di case ammassate dove troverete più di 50 chiese, 18 monumenti patrimonio dell'Unesco, palazzi nobiliari di notevole valenza storica ed artistica, tutto rigorosamente costruito con pietra locale ed estremamente decorato. Ragusa Ibla è stata completamente distrutta dal terremoto del 1693, motivo per cui è stata uniformemente ricostruita rigorosamente con i più ampi sfarzi barocchi del tempo.

Musei e aree archeologiche

Museo Archeologico di Ragusa
Il Museo Archeologico conserva reperti, riferibili a varie epoche, che illustrano l'archeologia e la storia antica del territorio ibleo. Cinque sono le sezioni espositive, dedicate alle stazioni preistoriche, al periodo greco di Kamarina, ai centri indigeni, ai centri ellenistici e al periodo tardo-romano. Non meno interessanti i reperti relativi all'abitato e alla necropoli di c.da Castiglione.

Da questa area, in cui è stata individuata una necropoli risalente ai primi del VI secolo, proviene il ritrovamento fra i più importanti di tutta l'area iblea, il 'Guerriero di Castiglione', un bassorilievo ricavato da una unica lastra di calcare locale, raffigurante un armato a cavallo di un destriero incedente verso sinistra, mentre le estremità del blocco sono decorate con le protomi di un toro e di una sfinge.

Museo Kamarina
Il Museo di Kamarina Su un promontorio argilloso che si protende verso il mare, là dove sorgeva il nucleo principale di Kamarina, è stato istituito il Museo Regionale di Kamarina conosciuto anche come Antiquarium, realizzato all'interno della struttura di una masseria ottocentesca che esisteva sui luoghi.

Da visitare, accanto ai resti del Tempio di Athena, i vari padiglioni in cui è diviso l'Antiquarium e dove sono esposti reperti frutto delle ricerche subacquee nel mare antistante, una nutrita collezione di anfore rinvenute nelle necropoli, per la maggior parte corinzie, altre di epoca ellenistica, etrusca e punica, reperti con riferimenti alle caratteristiche del bacino geologico e agli aspetti più importanti delle vicende paleontologiche, provenienti dai villaggi costieri di Passo Marinaro e di Branco Grande, frammenti di ceramica corinzia di età arcaica, nei quali si può ripercorrere la storia di Kamarina durante i contrasti con la madrepatria Siracusa, reperti venuti alla luce nelle necropoli di Rifriscolaro, Dieci Salme (VI sec. a.C.), Piombo (V-III sec a.C.), Scoglitti (VI-V sec. a.C.) Passo Marinaro, Cozzo Campisi e Randello (V-II sec. a.C.).

Riserve Naturali

Riserva del Fiume Irminio
Di notevole interesse naturalistico è la Riserva Naturale del Fiume Irminio, il cui fiume nasce alle falde del monte Lauro e dopo un lungo percorso di 50 km sfocia nel mare mediterraneo, a ridosso di Marina di Ragusa. La riserva conserva ancora oggi i caratteri tipichi della macchia mediterranea, visibili e visitabili attraverso i bellissimi sentieri che costeggiano il fiume.

Riserva Pino Aleppo
Altra visita merita la Riserva Naturale Pino d'Aleppo, un area protetta che tocca i territori di Ragusa, Comiso e Vittoria, area ricca di boschi dove vegetano specie botaniche di grande interesse. Una specie considerata autoctona è appunto il Pinus Halepensis, da cui prende il nome la riserva. La riserva è ricca di Flora e di Fauna ma, una sua visita a piedi, permette anche di scoprire interessanti risvolti di carattere storico-culturale. Attraversando i sentieri, infatti, è possibile visitare un antico Mulino che può essere considerato come un vero è proprio esempio di archeologia contadina.

Cave naturali

Cava della Misericordia
La bellissima Cava della Misericordia si estende dalla parte superiore di Ragusa fino alle pendici di Ragusa Ibla. Il suo percorso è attraverso l'immensa ferita del tavolato calcareo dove la natura ha preso il sopravvento. Nella aparte bassa della cava si trova un famosissimo Ipogeo di epoca bizantina che conta tremila tombe in parte scavate nella roccia. 

Cava Ispica
Cava d'Ispica è uno dei maggiori complessi rupestri in Sicilia. La Cava, lunga 13 km, è solcata da un ruscello ed è da visitare a piedi. Sono presenti vari tipi di abitazioni scavate nella roccia che risalgono al periodo neolitico più antico, al periodo pre-greco e al periodo classico fino a quello bizantino. E' possibile ammirare ipogei, oratori, catacombe cristiane e abitazioni medievali. Oltre all'attrattiva storica, la cava è ricca di flora e fauna tipica delle cave iblee.

Cosa fare a Ragusa

Eventi e tradizioni

Ragusa Superiore

A Ragusa superiore diversi eventi sono organizzati in Piazza San Giovanni, davanti alla cattedrale, mentre altri ancora in Piazza Libertà, al di là dei tre ponti, nel centro storico. Tanti gli eventi legati alla gastronomia e alla musica, ma anche all'arte, alla cultura e alle tradizioni locali. 
 

Ragusa Ibla

Tanti eventi durante l'anno nello scenario del barocco di Ragusa Ibla. Di suggestivo interesse e notevole attrazione turistica, è la festa del patrono di San Giorgio, ma per gli amanti degli artisti di strada "Ibla Buskers" è un vero spettacolo! Tanti anche gli eventi culturali e alla musica per le vie del centro. A ragusa Ibla, non ci sarà da annoiarsi! 

Mercato rionale Ragusa

Ogni martedì nel piazzale “Padre Pio”, nella zona centrale di Marina di Ragusa, si tiene il mercato rionale molto diffuso in queste zone. L'apertura è solitamente dalle ore 08:00 alle ore 13:00. Numerosi i venditori di prodotti tipici siciliani, frutta, verdure, pesce, carne, formaggi, vestiti, articoli per la casa e altri articoli di vario genere. Durante il periodo estivo, dal 15 Giugno al 15 Settembre, il mercato viene svolto anche di Venerdì.
 

Mercato rionale nel comune di Ragusa:

Lunedì- Via Sergente Scribano - Ragusa Ibla 
Martedì - Via A. De Gasperi - Ragusa 
Martedì - Via Citelli Via Caboto - Marina di Ragusa - Venerdì dal 15 Giugno al 15 Settembre 
Mercoledì - C.da Selvaggio - Ragusa 
Giovedì - P.zza Solferino - Ragusa 
Venerdì - Via Piazza Lupis - Ragusa 
Sabato - Via Paestum - Ragusa 

Movida

Negli ultimi anni il centro storico di Ragusa si è animato grazie all'apertura di una serie di pub, ristoranti e trattorie per le vie del centro. Luogo d'incotro di giovani di tutte le età è la Piazza San Giovanni e le sue strade limitrofe. Diversi i concerti organizzati nella Piazza del centro soprattuto durante le feste natalizie, per il capodanno e i ponti delle festività.

Tre sono le discoteche a Ragusa, il Lanificio adatto per un pubblico molto giovanile, il centro culturale Spazio 87 con tanti eventi di vario genere e la più grande discoteca in Provincia di Ragusa è il Koala Maxy. Quest'ultima, a differenza delle altre, è aperta soprattuto in estate, nei week end d'inverno e ospita soprattuto dj di fama nazionale. E' una discoteca molto grande, con grandi piste da ballo all'aria aperta e che può raggiungere una capienza totale di tremila persone.
 

Escursioni

Associazione Kalura
Tra le escursioni da fare, interessanti sono quelle proposte dall’associazione Kalura di Ragusa, gestite da guide escursionistiche esperte, che organizza percorsi di trekking e passeggiate nel territorio ragusano oltre che in tutta la Sicilia.
Esperienza unica è quella di percorrere un territorio scoprendolo da un punto di vista che raramente un turista può osservare.
I percorsi sono tra i più disparati, dai più semplici, adatti anche ai bambini, a quelli più complessi da trekking, ma tutti con l’obiettivo di vivere esperienze naturalistiche che arricchiscono dal punto di vista culturale ed emotivo.
In ogni escursione è previsto un pranzo o una degustazione tipica della zona visitata, per informazioni contattare: www.kalura.org 327 0069217 info@kalura.org 
 

La Terra Viaggi
Riferimento per le escursioni a Marina di Ragusa è la ditta "La Terra" che opera in tutto il territorio in Provincia di Ragusa, nelle sedi di Marina di Ragusa, Modica e Ragusa. Punto di forza dell'agenzia è certamente la ricca flotta di autobus di tutte le dimensioni che  serviranno a garantire le decine di escursioni, eventi e servizi in tutta la Sicilia. E' possibile prenotare qualsiasi evento o servizio attraverso il loro sito web, anche se avrete un solo giorno a disposizione.  
 

Fra le tante escursioni da loro organizzate abbiamo: Modica, Scicli, Ragusa Ibla e Donnafugata, Siracusa e Ortigia, Noto, Marzamemi by night, Parco acquatico Etnaland, Catania by Night, Scala dei Turchi e Agrigento, laghetti d'Avola e Marzamemi, Taormina by night, Noto by night, Gole Alcantara e Taormina, Buccheri med fest, Malta by night e Malta in un giorno
I servizi da loro offerti sono quelli di transfer e di escursioni private per tour singoli o di gruppo.
Per quanto gli riguarda eventi e concerti, e le altre proposte, è consigliabile visitare il loro sito: www.laterra.it
 

Dove mangiare a Ragusa

Prodotti tipici ragusani
I prodotti tipici ragusani sono frutto delle origini contadine, dove le masserie e il massaro erano punto di riferimento per l’approvvigionamento delle materie prime. 
Prodotti che sono impiegati in quella che viene considerata “cucina povera”, così definita  perché  le materie prime usate erano quelle della gente più umile, ma sicuramente non è povera nel gusto e nell’armonia degli accostamenti tra sapori diversi.  Secoli di dominazioni e tradizioni, apprese da culture lontane e diverse tra loro, hanno così creato i prodotti della cucina ragusana.
 
Tra i prodotti tipici di eccellenza ragusana abbiamo:
 
Tra i piatti della tradizione non si può non citare:

Ristoranti a Ragusa Superiore
Tanti i ristoranti e le trattorie nel centro di Ragusa. Uno dei piatti tipici ragusani, che vi consigliamo di provare, sono i ravioli di ricotta o i cavatelli, con il sugo di maiale, ma non mancheranno certamente altre pietanze tipiche della zona. 

Ristoranti a Ragusa Ibla

A Ragusa Ibla, soprattuto nel periodo estivo, è facile trovare ristoranti all'aria aperta per cena. 

Agriturismi Ragusa
La tradizione dei ragusani la domenica, e non solo, è il pranzo in un agriturismo. Gli agriturismi a Ragusa sono tantissimi e la loro cucina è proprio quella tipica del territorio. E' infatti necessario che i titolari di agriturismi producano e lavorino, i cibi serviti nelle loro sale negli stessi luoghi da dove provengono i pascoli. Per questo motivo gli agriturismi sono ubicati nelle nostre bellissime campagne, in tipici fabbricati rurali in pietra, circondati da alberi di ulivo e di carrubi, a pieno contattato con la natura.

I prodotti della nostra terra, che troverete in un agriturismo sono: Antipasti con olive, formaggi tipici come la provola e il caciocavallo, bruschette di pomodoro fresco o secco, focacce di ricotta, di pomodoro o con verdure, primi piatti con ravioli di ricotta dolce o salata con salsa al sugo di maiale, cavatelli alla norma e cavatelli con sugo di maiale, arrosto misto di carne come la salsiccia, fettina di manzo e costata di maiale, insalate di vario tipo e per concludere dolce fatto in casa come la cassatella di ricotta, raviolo dolce fritto con gocce di cioccolato, vino a volontà, liquori e caffe per complere.

Agriturismo Marina di Ragusa